giovedì 23 luglio 2015

REGINA ROSSA, VICTORIA AVEYARD

TITOLO: Regina Rossa
AUTORE: Victoria Aveyard
EDITORE: Mondadori
Pagine: 430
Costo: 19€
Valutazione: 4,5/5
TRAMA: Il mondo di Mare Barrow è diviso dal colore del sangue: rosso o argento. Mare e la sua famiglia sono Rossi, povera gente, destinata a vivere di stenti e costretta ai lavori più umili al servizio degli Argentei, valorosi guerrieri dai poteri sovrannaturali che li rendono simili a divinità. Mare ha diciassette anni e ha già perso qualsiasi fiducia nel futuro. Finché un giorno si ritrova a Palazzo e, proprio davanti alla famiglia reale al completo, scopre di avere un potere straordinario che nessun Argenteo ha mai posseduto. Eppure il suo sangue è rosso... Mare rappresenta un'eccezione destinata a mettere in discussione l'intero sistema sociale. Il Re per evitare che trapeli la notizia la costringe a fingersi una principessa Argentea promettendola in sposa a uno dei suoi figli. Mentre Mare è sempre più risucchiata nelle dinamiche di Palazzo, decide di giocarsi tutto per aiutare la Guardia Scarlatta, il capo dei ribelli Rossi. Questo dà inizio a una danza mortale che mette un nobile contro l'altro e Mare contro il suo cuore. "Regina Rossa" apre una nuova serie fantasy dove la lealtà e il desiderio rischiano di esseri fatali e l'unica mossa certa è il tradimento.

COMMENTO: Regina Rossa è stato definito da alcuni come un "nuovo" Hunger Games per me non è affatto vero. Ho adorato entrambi quindi posso dire che non lo paragonerei ad Hunger Games poiché hanno storie molto diverse anche se poi entrambi attaccano entrambi i rappresentanti politici della loro storia.
Regina Rossa mi è piaciuto moltissimo e mi ha tenuto in suspanse fino alla fine. Il finale è stato davvero scioccante non me lo sarei mai aspettato, sono rimasta davvero senza parole. Spero che il secondo venga tradotto presto in Italia perché non vedo l'ora di leggerlo e scoprire come questa storia superemozionante vada avanti. Spero tanto che Mare e Cal si mettano insieme, anche se mi spiacerebbe molto per Kilorn. Durante la lettura speravo sempre che l'insopportabile Evangeline si facesse male o che facesse una figuraccia e in un certo senso è successo, ha dimostrato di non essere così coraggiosa come voleva far credere a tutti. 
Victoria Aveyard ha creato un mondo spettacolare dove la distinzione fra ricchi e poveri dipende dal colore del sangue e dai poteri che si hanno. 
Leggendolo ho capito che preferirei essere una rossa tutta la vita con pochi soldi, un lavoro umile, senza poteri, ma con dei sentimenti e vivendo la mia vita normalmente senza dover far giochetti e strategie; rispetto ad essere un' argentea che ha soldi,poteri, non lavora, ma non provare sentimenti e basare la propria vita su strategie fatte per colpire altri. 
Questo è uno di quei libri che attraverso una storia inventata, di pura fantascienza, fa riflettere su come dovremmo essere e su come dovremmo comportarci.

Nessun commento:

Posta un commento