domenica 28 maggio 2017

COME UN’ISOLA DI MONIKA M. (estratti)

Ciao a tutti come state?
Dopo aver pubblicato gli estratti di Radice ho deciso che se trovo libri con estratti che mi colpiscono li pubblico così da far capire quello che mi colpisce particolarmente di un libro :)
Voi avete libri che lasciano un ricordo? Che vi colpiscono tanto da non riuscire a dimenticare quelle parole?
Ho deciso di prendere questi estratti poiché mi hanno colpita particolarmente. Alla fine chi può sapere veramente cosa induca una persona a diventare Dominatore o Sottomesso?
COMMENTO: http://libriunapassione.blogspot.com/2017/05/come-unisola-di-monika-m-recensione.html
ESTRATTI:
  • - La vittima nutre una illusione di onnipotenza, ma è appunto solo un'illusione datale dal carnefice, e questo è parte del legame. La vittima sa benissimo che il carnefice dipende da lei, questa viene plagiata, manipolata, il carnefice la porta a dubitare di sé stessa, si sente inadeguata e sconvolta da sensi di colpa perché si convince di essere la responsabile della salvezza del suo aguzzino. Ma, nonostante la denigri, il carnefice non abbandona mai la sua vittima ed è questo che genera illusione nella vittima, scambia questo per amore, ma. . . - Fece una pausa per sincerarsi che Lucrezia stesse bene, intuiva in quel malcelato nervosismo un coinvolgimento non espresso. - Ma. . . - riprese cauto -. . . i carnefici sono paranoici,individui meticolosi, dominatori perfezionisti che non si concedono emozioni. . . - sospirò pensando che i pensieri che affollavano ora la sua mente venissero negati. - Faticano a fidarsi e vedono nell'altro ogni continua malafede. Prova piacere a tradire, mentire, aggredendo poi l'altro accusandolo di ciò che egli stesso compie. Celano ogni cosa li riguardi, temendo possa esser usato contro di loro, non si fidano di nessuno, temono il tradimento. Provano una gelosia morbosa, la paura di essere abbandonati è il loro incubo e questo alimenta in loro un rancore ingestibile. -

  • Chi non è mai stato sottomesso certo lotterà perché questo non accada, l'orgoglio insito in sé non gli permetterà di soccombere.

  • Un dominatore saggio stabilizza il rapporto prima di divenir violento, deva garantirsi che la preda non fugga. Non si rendono conto del dolore che infliggono che a loro genera solo piacere. Vengono attratti dall'indipendenza e autonomia dell'altro unicamente perché mirano a distruggerlo, vivendoli come un tradimento della loro esclusiva simbiosi. Tende a confondere l'altro dicendo una cosa e facendo poi l'esatto contrario, accusa senza poi arrivare alla fine, unicamente perché mira a confondere , l'instabilità gioca a suo fa- vore. Paura e confusione impediscono di pensare e l'emozione si tramuta in angoscia. - Restò in silenzio a lungo prima di dar il colpo finale poi prudentemente aggiunse - Il primo passo da fare è ammettere a sé stessi che non esiste nessun amore in questo rapporto. 

  

Nessun commento:

Posta un commento