lunedì 8 gennaio 2018

MISS PEREGRINE-LA CASA PER BAMBINI SPECIALI DI RANSOM RIGGS (recensione)

Ciao a tutti, come state?
Come è iniziato il nuovo anno?
Avevo deciso di scrivere questa recensione sabato ma poi tra una cosa e l’altra non ce l’ho fatta, quindi eccomi qui oggi.
TITOLO: Miss Peregrine- La casa dei bambini speciali
AUTORE: Ransom Riggs
EDITORE: Rizzoli editore
Pagine: 383
Costo: 15,33€ (copertina rigida), 11,90€ (copertina flessibile), 7,99€ (eBook)
Valutazione: 4,5/5
TRAMA: Quali mostri popolano gli incubi del nonno di Jacob, unico sopravvissuto allo sterminio della sua famiglia di ebrei polacchi? Sono la trasfigurazione della ferocia nazista? Oppure sono qualcosa d'altro, e di tuttora presente, in grado di colpire ancora? Quando la tragedia si abbatte sulla sua famiglia, Jacob decide di attraversare l'oceano per scoprire il segreto racchiuso tra le mura della casa in cui, decenni prima, avevano trovato rifugio il nonno Abraham e altri piccoli orfani scampati all'orrore della Seconda guerra mondiale. Soltanto in quelle stanze abbandonate e in rovina, rovistando nei bauli pieni di polvere e dei detriti di vite lontane, Jacob potrà stabilire se i ricordi del nonno, traboccanti di avventure, di magia e di mistero, erano solo invenzioni buone a turbare i suoi sogni notturni. O se, invece, contenevano almeno un granello di verità, come sembra testimoniare la strana collezione di fotografie d'epoca che Abraham custodiva gelosamente. Possibile che i bambini e i ragazzi ritratti in quelle fotografie ingiallite, bizzarre e non di rado inquietanti, fossero davvero, come il nonno sosteneva, speciali, dotati di poteri straordinari, forse pericolosi? Su "Miss Peregrine. La casa dei ragazzi speciali", è basato l'omonimo film, prodotto dalla Twentieth Century Fox, scritto e diretto da Tim Burton.
COMMENTO: Ho letto questo fantastico libro in due giorni perché non volevo più lasciarlo. Purtroppo per me ho visto prima il film di leggerlo e questo mi ha portato a pensare a conclusioni del libro molto diverse da quella vera.
Ammetto che ci sono stati momenti molto lenti e che alcune volte avrei voluto urlare per chiedere un po di azione, ma complessivamente è stata una lettura davvero bella.
Lo stile di scrittura mi è piaciuto molto, mi è piaciuto come mi abbia fatta entrare nella storia e come sia riuscito a trattare molti argomenti senza esagerare in un solo libro.
Ho amato i personaggi soprattutto Emma, mi piace il suo carattere e il suo modo di fare. Non si tira mai indietro quando c’è da affrontare qualcosa e darebbe la sua vita per le persone a cui tiene.
Anche jacob mi è piaciuto anche  se alcune volte l’ho trovato un po’ irritante, anche se capisco benissimo i suoi dilemmi esistenziali su Emma, già ci facciamo problemi a stare con la ex di un amico pensa con la ex del proprio nonno. 
Quelli che davvero ho detestato sono i genitori di Jacob perché sono i classici genitori che non capiscono il figlio, soprattutto la madre è una donna davvero insopportabile. Forse li giudico un po’ prematuramente ma devo dire che li ho odiati a principio quindi non credo che qualcuno riesca a farmi cambiare idea hahaha.
Non vedo l’ora di leggere gli altri libri e scoprire di più sui bambini speciali, mi piacerebbe anche che si parlasse di più di alcuni di loro perché vengono semplicemente accennati.

Nessun commento:

Posta un commento