domenica 18 febbraio 2018

IL BAMBINO SILENZIOSO DI SARAH A. DENZIL (recensione)

Ciao a tutti e buona domenica!
Come state? Io sono tornata ieri in Spagna dopo una bellissima settimana con la mia famiglia, ho festeggiato il diciottesimo di mia sorella e sono stata con i miei genitori. E poi ho potuto vedere le mie amiche 😃
Ho anche letto questo fantastico Thriller, voi lo avete letto? Pensate di leggerlo? 
Commentate qui sotto uno dei vostri thriller preferiti 😊
TITOLO: Il bambino silenzioso
AUTORE: Sarah A. Denzil
EDITORE: Newton compton editori
Pagine: 347
Costo: 9,90€ (cartaceo) 2,99€ (eBook)
Valutazione: 4,5/5
TRAMA: Nell'estate del 2006, Emma Price era lì quando fu ritrovato il cappotto rosso del suo bambino di sei anni lungo il fiume Ouse. Fu la tragica storia dell'anno: il piccolo Aiden era sparito da scuola durante una terribile alluvione, era caduto nel fiume e poi annegato. Il suo corpo non fu mai ritrovato. Dieci anni dopo, Emma è riuscita finalmente a riacquistare un po' di serenità. È sposata, incinta e le sembra di aver finalmente ripreso il controllo della sua vita quando... Aiden ritorna. Troppo traumatizzato per parlare, non risponde a nessuna delle infinite domande che gli vengono rivolte. Solo il suo corpo racconta la storia di una sparizione durata dieci lunghi anni. Una storia di ossa spezzate e ferite che testimoniano gli orrori che Aiden deve aver subito. Perché Aiden non è mai annegato: è stato rapito. Per recuperare il contatto con il figlio, ormai adolescente, Emma dovrà scoprire qualcosa sul mostro che glielo ha portato via. Ma chi, in una cittadina così piccola, sarebbe capace di un crimine tanto orrendo? È Aiden ad avere le risposte, ma ci sono cose troppo indicibili per essere pronunciate ad alta voce.
COMMENTO: L’inizio l’ho trovato molto lento e poco scorrevole. Infatti ero poco convinta se continuarlo o no ma la storia mi intrigava, così ho guardato alcune recensioni, senza leggerle approfonditamente perché non volevo spoiler o anticiparmi fatti, ma per cercare di capire cosa ne pensavano altre persone e ho visto che erano in molti ad averlo apprezzato, così ho deciso di continuare a leggerlo. Ed è stata la scelta giusta perché è un libro davvero fantastico che ti tiene con il fiato sospeso. mentre leggevo facevo ipotesi su chi potesse essere il rapitore. Quando accadeva qualcosa cambiavo la mia teoria perché ovviamente i sospetti cambiavano.
Ma il finale è stato scioccante. Non mi sarei mai aspettata colpi di scena di questo tipo. Sono rimasta davvero senza fiato e non ho potuto smettere di leggere, dovevo assolutamente sapere.
Ho amato il personaggio di Emma perché anche se in alcuni momenti pensava di essere debole, è sempre stata molto forte. Perché ammettiamolo quanti riuscirebbero a sopportare tutta la pressione che ha sopportato essendo incinta? Io sarei impazzita appena si fosse presentata la stampa a casa mia, Emma, invece, riesce a resistere ma quando è troppo è troppo.
Ho odiato sin da subito Jake, un uomo prepotente che deve avere tutto sotto controllo anche se finge di essere l’uomo perfetto. Mentre Rob anche se non ha saputo affrontare la morte di Aiden riesce a tornare e stare accanto a Emma e Aiden.
Lo stile di scrittura l’ho trovato in alcuni momenti pesante però in altri riesce a trasportarti. In alcuni come ti trasporta e ti senti un poliziotto di quel paese alla ricerca del rapitore e quando capisci che le tue supposizioni sono sbagliate ti senti frustrato.
ESTRATTI:

  • E cosa dovresti mai pensare quando ti viene portato via tuo figlio? Che era destino? Il volere di Dio? La sfortuna? Come ci si aspetta che tu vada avanti?
  • “Questo, signore e signori, è il computer in cui il duca collezionava i suoi porno con i bambini” Più ci penavo, più realizzavo che siamo tutti mostri. Sì. Noi. Siamo mostri. Ci piace leggere queste storie. Siamo i voyeur delle sofferenze umane.

Nessun commento:

Posta un commento