sabato 16 gennaio 2021

PERSONAGGIO DEL MESE: Arthur Hastings (Poirot a Styles Court e Poirot e i quattro)

Buon sabato leoncini, oggi vi parlo del personaggio del mese di dicembre.
Scegliere non è stato affatto facile, anzi… ci ho dovuto aspettare per settimane ma alla fine ho deciso Hastings perché mi sta proprio simpatico. 
Qual è il vostro personaggio preferito del mese di dicembre?
PERSONAGGIO: Arthur Hastings

COMMENTO:
Ho scelto Hastings perché l’ho adorato fin dal primo momento. 
Lui è quello che possiamo definire il Watson di Poirot però un po’ più tonto. 
Lui molto spesso è il narratore delle avventure di Poirot, come nel caso di Poirot a Styles Court e Poirot e i quattro. Il fatto che sia lui a narrare la storia fa sì che il narratore venga spesso fuorviato dalle sue ipotesi. Ma anche se le sue ipotesi spesso sono assurde, con alcuni suoi commenti riesce ad aiutare Poirot.
Mi piace tanto come personaggio perché rende le storie in cui è presente più divertenti. 
Ogni volta che c’è lui nelle storie succede qualche casino perché si fida sempre troppo delle persone e si lascia ammaliare dalle belle ragazze. 
Per lui ci sono persone che sono impossibili come assassini per il semplice fatto che gli sembrano persone troppo buone.
Ma quello che più mi diverte è quando parla con Poirot e entrambi espongono i loro sospetti. Hastings non capisce mai dove voglia arrivare Poirot ma soprattutto come ci sia arrivato. Hastings rispetto al suo amico ha delle idee assurde che Poirot non ha nemmeno preso in considerazione oppure è già andati due passi avanti.
Non vedo l’ora di leggere altri libri con lui, già ora sto ascoltando Il pericolo senza nome, dove finalmente torna anche Hastings. Perché devo ammetterlo adoro Poirot però senza Hastings nella storia mi manca qualcosa. Lui da un tocco i più al tutto ahaha.
Avete un personaggio secondario che secondo voi rende la storia più emozionante?

venerdì 15 gennaio 2021

AGGIORNAMENTO DI LETTURA (15-01-21)

Eccomi leoncini con l’aggiornamento di lettura :)
Quali sono i libri che vi stanno accompagnando in questo gennaio del 2021?
Io sto leggendo un po’ di libri contemporaneamente perché sto studiando molto e non ho sempre voglia della stessa lettura. Sto quindi leggendo libri di vari generi così da poter scegliere, quando ho un po’ di tempo e ho la forza, il libro che meglio si adatta al momento.

HO FINITO DI LEGGERE

Dall’inizio dell’anno ho finito queste tre letture.
Di Tenebre e ossa vi ho parlato ieri con una recensione. Se non l’avete ancora letta vi dico che mi è piaciuto e che spero di poter leggere presto il seguito.

Ho anche finito di leggere La memoria di Babel, la recensione dovrebbe uscire martedì prossimo. Questa serie sta diventando una rivelazione. Perché mentre il primo mi era piaciuto ma non mi aspettavo chissà che cosa dai seguiti il secondo mi ha completamente sconvolta e ora anche il terzo mi è davvero piaciuto. Stanno succedendo molte cose e non vedo l’ora di scoprire come si concluderà la serie.
A voi è piaciuta la serie?

Ieri ho anche finito Un messaggio dagli spiriti e devo dire che è stato un ascolto interessante ma non l’ho amato come i precedenti di Agatha Christie. Non so esattamente quando uscirà la recensione.
Comunque questo libro non mi ha colpito perché mancava qualcosa. Mi è mancato l’investigatore principale della storia e sinceramente né  Emily né  l’ispettore Narracott mi hanno convinto.

STO LEGGENDO

Come ho detto sto leggendo un po’ di libri contemporaneamente così da averne per tutti i gusti. Questo mi permette di staccare 5 minuti dallo studio. Il problema è che potrei impiegarci un po’ a finire un libro dato che ho poco tempo e ne sto leggendo 5 contemporaneamente. Voi riuscite a leggere più libri contemporaneamente o preferite un libro alla volta?

Sto leggendo Echi in tempesta, che mi sta piacendo molto. Però non voglio farmi molte illusioni perché so che ha deluso molti. Quindi lo sto leggendo senza molte aspettative così da non rimanere delusa. Però allo stesso tempo sono felice di concludere finalmente questa serie che ho rimandato per troppo tempo.

Sto andando avanti poco a poco con Vox e Genesi - Lucifer e l’eterna oscurità degli angeli. Sono due storie interessanti ma le ho iniziate nel momento sbagliato quindi stanno procedendo più a rilento del previsto.

Ieri ho iniziato I misteri di Red Maples - Gli incantesimi della natura, perché ho bisogno di una lettura leggera e non troppo impegnativa e questa mi sembra perfetta.

Infine ho iniziato, anche se ho letto proprio due pagine, di Aristotle and Dante discover the secrets of the Universe. Non sono per niente portata in inglese, anzi sono una vera schiappa quindi credo che questa lettura andrà avanti per tutto l’anno ahaha. Però credo sia arrivato il momento di impegnarmi e imparare l’inglese e credo che un buono modo sia leggendo e guardando serie tv, voi ne avete qualcuna da consigliarmi?

LEGGERÒ

Prima di Natale avevo iniziato Angelitos e speravo di finirlo in tempi brevi ma non ci sono riuscita e poi non è più stato il momento giusto per un libro di questo genere. L’ho messo in pausa e appena finirò gli esami andrò avanti con la lettura perché anche se ero all’inizio si capiva che questo libro merita molto.

Poi leggerò Stay with me, un romance che ho in collaborazione e che avrei già voluto aver letto. Come ho già detto però sono un po’ indietro. Non vedo l’ora di leggerlo e farvi sapere cosa ne penso.

Poi, anche se non ne sono sicura, leggerò I misteri di RedMaples - La magia del ghiaccio. Però non so se leggerlo subito o tenerlo per la prossima sessione d’esami come lettura leggera e che mi accompagni nel mio stress ahahah. Poi deciderò.

SEGNALAZIONI (15-01-21)

 Buongiorno leoncini, eccomi con un post in cui vi parlo di nuove uscite.
Avete già fatto acquisti librosi in questo 2021?

Comunque oggi pomeriggio torno con un aggiornamento di lettura. Sarà breve e spero di riuscire a fare anche le storie su Instagram. Domani poi dovrei anche riuscire a postare il personaggio del mese, curiosi di scoprire chi ho scelto?

Titolo: Broken
Autore: Crystal Kaswell
Editore: Queen Edizioni
GENERE: New Adult
Pagine: 420
Prezzo: 3,99€  Ebook – 15,90€ cartaceo
Data di pubblicazione: 28/01/2021


TRAMA:
L’ho persa una volta. Non la perderò di nuovo.

Dopo la morte di mio fratello, stavo annegando. Delilah è diventata la mia ancora di salvezza.

Eravamo due opposti, la schietta studentessa di Arte e l’atleta ombroso. Lei era in grado di entusiasmarsi per cose che mi erano indifferenti, era radiosa quando io ero cupo, delicata quando io ero l’esatto contrario. Per due anni, abbiamo avuto tutto. Poi Delilah se ne è andata e si è portata via anche il mio cuore.

Ho provato a guarire. A gettarmi negli studi della facoltà di Medicina. A dimenticarla. Pensavo di averlo fatto. Fino a oggi. Quegli occhi blu, quel sorriso dolce, quel gemito delicato... è la mia Delilah. Non appena la sento ridere, lo capisco. È ciò che manca nella mia vita. Ho tre giorni per riprendermela. Dio, spero di essere affascinante almeno quanto lo ero una volta.

Broken è un romanzo autoconclusivo sulle seconde possibilità, pieno di calore, amore e delusioni. Capirete perché Crystal Kaswell è considerata la maestra dello scrivere personaggi acuti e feriti che vi tengono sulle spine.

Autore:
Crystal Kaswell scrive New Adult Romance, sexy e divertenti. I suoi protagonisti sono eroi danneggiati e donne forti che riescono ad aprire i loro cuori. È entrata nelle classifiche di USA Today e Wall Street Journal con i suoi best seller. Famosa per le sue serie Inked Hearts e Sinful Serenade, adora scrivere di cattivi ragazzi, maschi alfa ed eroi torturati (e talvolta uomini che sono tutti e tre). Le sue debolezze sono il cioccolato fondente, i chai lattes fatti in casa, le maratone di Netflix e uomini tatuati in jeans aderenti. È un irriducibile difensore della musica pop-punk, del presente indicativo, e Katniss Everdeen.
http://www.crystalkaswell.com/

Titolo: Un po’ troppo vicini
Autore: Flora A. Gallert
Genere: Contemporary Romance Autoconclusivo
Data di pubblicazione: 11 Gennaio 2021
Prezzo lancio ebook: €0,89
Prezzo: 9,99€ cartaceo, 1,49€ ebook definitivo – Gratis con Kindle Unlimited

TRAMA: 
Un DJ che ama la vita notturna e il casino.
Una psicologa che aspira ad avere una vita perfetta e ordinaria.
Cos'hanno in comune due mondi così diversi? Semplice: un pianerottolo che invece di dividere i loro appartamenti, finisce per diventare lo scenario perfetto per liti, scontri, ma anche per dichiarazioni di pace e per chiedere favori dell'ultimo minuto. Perché, si sa, i vicini è meglio tenerseli stretti. Soprattutto se sono belli, sexy e hai appena scoperto che sanno baciare divinamente, e non solo.
Ma se a un certo punto lei gli chiedesse di cambiare, anche solo per poche ore? Fingersi un'altra persona non sarà un grosso problema per lui, il vero dramma sarà scoprire di non essere mai stato abbastanza per la donna di cui, tra una lite e un bacio, senza rendersene conto, si è perdutamente innamorato... Cosa accadrà?


Torna Flora A. Gallert, questa volta con una penna ironica e allo stesso tempo passionale. Pronta a gettare benzina su una coppia talmente sbilanciata da risultare comica ma che sa incastrarsi alla perfezione, come se i due fossero gli ultimi pezzi mancanti dello stesso puzzle.

Estratto:
“Alla mia vicina… una donna dai mille controsensi. Che attacca il prossimo, ma in fondo è dolce. Che è un po’ bambina e un po’ donna, un po’ sexy e un po’ infantile…”.
“Ehi, io non sono infantile” dice, ma sta sussurrando e io mi sto avvicinando a lei senza neppure rendermene conto.
Sorrido.
“Lo vedi?” sono a un millimetro dalle sue labbra. Il suo odore è buonissimo. “Io ti sto per baciare e tu ti preoccupi delle cazzate che sto sparando…”.

Titolo: Indomita e ribelle
Autore: Sabrina BOCCIA
Editore: Ode edizioni
Genere: Vittoriano, historical romance
Pov: 3° persona
Prezzo: 12,99€ cartaceo, 2,99€ ebook
Data pubblicazione: 19 Gennaio
Pagine: 270
Autoconclusivo: sì

TRAMA:
Philip Godart, conte di Derbyshire e futuro duca di Devonshire, poco avvezzo a tollerare i dettami dell’epoca, preferisce di gran lunga una corsa clandestina a un evento mondano. Adora trastullarsi con l’amante di turno e non desidera cambiare questo buon vezzo.
Lady Cristina Hepzibah Atwood rimanda anno dopo anno il suo debutto nella buona società, accampando miserabili scuse al solo scopo di conservare la sua preziosa libertà.
Arguta e frizzante vuole godersi la vita e sposarsi per amore, non per dovere.
Cosa accadrà quando il destino farà a entrambi uno sgambetto?
Soccomberanno agli eventi o lotteranno per far valere le loro ragioni?


Estratto: 
«Chi altro vi detta degli ordini?» Jack si rese subito conto della risposta, dunque continuò: «A proposito dov'è la vecchia brontolona?» Il suo tono risultò dolce, il duca non riusciva mai a contenere l’affetto che nutriva al ricordo dell’amata nonna strampalata che ancora non si era degnata di scendere a salutarlo. Immaginò che a breve avrebbe inscenato uno dei suoi tipici ingressi trionfali.
«È la nostra cara nonnina a impartire ordini, e per la cronaca, sarà andata a portare a spasso lucertola» confermò la sorella, prima di alzare gli occhi al cielo per sottolineare la follia di quella faccenda.
«A spasso la lucertola?» chiese dubbioso il duca, grattandosi il mento. Quello sì che sarebbe stato un arrivo strabiliante.
«Sì, le è venuta la brillante idea di chiamare il nostro terrier, Lucertola.» Si indispettì con malagrazia, non trattenendo un evidente disappunto.
«Sei seria?» ribatté Jack, ridendo a crepapelle. Quella donna allora non era affatto cambiata. Era un mito.

Autrice:
Ho ventinove anni, mi chiamo Sabrina, abito in un piccolo paesino: Striano. Sono laureata in giurisprudenza, ho terminato la pratica forense e presto conseguirò l’abilitazione.
Ho sempre amato i bambini e ho scelto di lavorare con loro, facendo animazione.
Altre due passioni hanno caratterizzato la mia vita: lo sport e la musica. Ho praticato pallavolo per anni e suono il pianoforte. Ho dato tutti gli esami in Conservatorio, mi manca solo la tesi.
Ho una famiglia numerosa, due sorelle sposate, un fratello e due nipoti che adoro. I miei genitori sono il mio porto sicuro, ma l’intera mia famiglia è il mio approdo.
Credo fermamente anche nelle amicizie e ho la fortuna di avere amiche sincere e un fidanzato che mi sopporta e supporta con cui condivido ogni cosa.

giovedì 14 gennaio 2021

RECENSIONE: Tenebre e ossa di Leigh Bardugo

Ciao leoncini, eccomi finalmente con la recensione della prima lettura dell’anno.
La mia prima lettura è stata Tenebre e ossa e so che che in molti hanno amato questo volume più di Sei di corvi, a me è piaciuto molto ma non come Sei di corvi, nel commento troverete le motivazioni. 
Voi lo avete letto? Che ne pensate? Siete curiosi di come sarà la serie di Netflix? Ma soprattutto aspettate con ansia martedì per l’uscita di Assedio e tempesta?
Io come vi ho detto non comprerò nuovi libri quindi dovrò aspettare un po’ e spero che l’attesa serva per poter avvicinarmi di più all’uscita anche del terzo volume della trilogia.

Titolo: Tenebre e ossa
Autore: Leigh Bardugo
Editore: Mondadori
Genere: Fantasy
Pagine: 240
Prezzo: 17€ (cartaceo) 9,99€ (ebook)
Valutazione: ★★★★

TRAMA:
“Il dolore e la paura mi vinsero. Urlai. La parte nascosta dentro di me risalì con impeto in superficie. Non riuscii a fermarmi. Il mondo esplose in una sfolgorante luce bianca. Il buio si infranse intorno a noi come vetro”. 
L'orfana Alina Starkov non ha grandi ambizioni nella vita, le basterebbe fare al meglio il suo lavoro di apprendista cartografa nell'esercito di Ravka, un tempo nazione potente e ora regno circondato dai nemici, e poter stare accanto al suo buon amico Mal, il ragazzo con cui è cresciuta e di cui è innamorata da molto tempo. Ma il destino ha in serbo ben altro per lei. Quando il loro reggimento attraversa la Faglia d'Ombra, la striscia di oscurità quasi impenetrabile che taglia letteralmente in due il regno di Ravka, lei e i suoi compagni vengono attaccati dagli esseri spaventosi e affamati che lì dimorano. E proprio nel momento in cui Alina si lancia in soccorso dell'amico Mal ferito gravemente, in lei si risveglia un potere enorme, come una luce improvvisa e intensa in grado di riempirle la testa, accecarla e sommergerla completamente. Subito viene arruolata dai Grisha, l'élite di creature magiche che, al comando dell'Oscuro, l'uomo più potente di Ravka dopo il re, manovra l'intera corte. Alina, infatti, è l'unica tra loro in grado di evocare una forza talmente potente da distruggere la Faglia e riunire di nuovo il regno, dilaniato dalla guerra, riportandovi finalmente pace e prosperità. Ma al sontuoso palazzo dove viene condotta per affinare il suo potere, niente è ciò che sembra e Alina si ritroverà presto ad affrontare sia le ombre che minacciano il regno, sia quelle che insidiano il suo cuore.
COMMENTO:
Ho iniziato questo libro con alte aspettative perché ho adorato Sei di corvi e Il regno corrotto però allo stesso tempo non volevo illudermi troppo perché non volevo rimanerci male. 
La storia mi è piaciuta molto e già vi dico che non vedo l’ora di leggere Assedio e tempesta, però non l’ho amato come la dilogia di Sei di corvi. 
Nella dilogia ho trovato un approfondimento dei personaggi che me li ha fatti amare e che mi ha fatto affezionare ad ognuno di loro. Il modo di descrivere così bene i personaggi è stato un motivo importante che mi ha fatto amare quei due libri oltre alla storia ricca di colpi di scena.

In questo primo volume di questa trilogia mi ha catturata per la storia, anche perché ci è stato accennato qualcosa nella dilogia (questa trilogia è dove vengono introdotti per la prima volta i Grisha, mentre in Sei di corvi la storia è ambientata dopo. Quindi se non avete ancora letto la dilogia vi consiglierei di leggere prima la trilogia, anche se parlano di due storie completamente diverse.), ma devo ammettere che non mi sono affezionata a nessun personaggio. I personaggi vengono trattati più superficialmente l’unica che conosciamo meglio è Alina, essendo la storia raccontata dal suo punto di vista. Per lei ho avuto un amore e odio, durante la storia ci sono stati momenti in cui avrei voluto strozzarla.
Alina è un orfana, apprendista cartografa del Primo Esercito. È entrata nell’esercito per stare accanto a Mal, il suo migliore amico e suo amore segreto. Alina è una ragazza molto magra e per tutti ha un aspetto un po’ malaticcio. Non è mai stata una ragazza molto bella, o almeno è quello che pensa lei di se stessa dato che è molto insicura e timida. Bisogna ammettere che durante la storia matura molto, e come tutti prima di capire veramente cosa vuole ha molti alti e bassi. 
Come sappiamo dalla trama, lei scoprirà di avere un grande potere e questo la porterà a scoprirsi ma anche a scoprire fatti che non avrebbe mai immaginato. 
Altri due personaggi molto importanti nella storia sono Mal e l’Oscuro.
Mal, come ho detto è il migliore amico di Alina, è anche lui orfano ed è così che si sono conosciuti. Entra nel Primo Esercito come tracciatore. Lui a differenza di Alina, è un bel ragazzo molto socievole ma soprattutto sicuro di se. In questo volume non è molto presente ma si capisce che sarà importante nei prossimi volumi, o almeno lo spero. Mal all’inizio è abbastanza insopportabile perché pieno di sé ma poi mi sono innamorata di lui.
Troviamo poi l’Oscuro, il Grisha più potente e rispettato di tutta Ravka. Non riusciamo ad inquadrarlo molto bene dato che tutto quello che sappiamo ci viene raccontato dal punto di vista di Alina. Ma quello che sappiamo mi ha fatta molto incuriosire. È un personaggio che non vedo l’ora di conoscere meglio, anche perché voglio capire quello che vuole ottenere veramente e come sia diventato quello che è.
È un tipo affascinante ma allo stesso tempo anche molto subdolo.
Voi siete team Mal o team Oscuro? Io sono sempre stata team Mal, non mi sono mai fidata pienamente dell’Oscuro, anche se come ho detto è un personaggio che mi incuriosisce molto.

Poi ci sono due personaggi di cui vorrei sapere di più uno è Genya e l’altro è Zoya.
Genya è una plasmaforme, che diventa subito amica di Alina. Conosciamo però poco a poco che nasconde molti segreti e che è molto invischiata negli intrecci di corte, più di quanto vorrebbe. Mi piacerebbe sapere qualcosa in più su di lei per riuscire ad identificarla davvero, perché sul finale ci sono rimasta molto male, non me lo aspettavo.
Zoya è un personaggio che ho odiato profondamente in questo volume, ma mi incuriosisce per il fatto che compare anche in Il regno corrotto. Zoya è una Grisha che si crede di essere migliore di tutti, anche se debo dire che in questo volume viene solo accennata, è riuscita comunque a farsi odiare profondamente.

La storia è molto bella e ti trasporta a Ravka nel mondo Grisha, capiamo meglio la storia che c’è dietro ad alcuni commenti fatti da Nina ma anche da Matthias nella dilogia.
Essendo il primo volume veniamo introdotti nel mondo di Ravka e iniziamo a conoscere poco a poco i personaggi. Ravka non è esattamente come me l’aspettavo però le differenze che ci sono tra Grisha e persone normali quelle sì me le aspettavo.
Lo stile di scrittura dell’autrice è scorrevole e trasporta il lettore nella storia. I colpi di scena che ci sono sono giusti per mantenere il lettore attaccato alle pagine del libro.

La conclusione del volume mi è piaciuta molto perché non lascia il lettore nella disperazione ma apre moltissime possibilità per i prossimi volumi. 
Secondo me questa sarà una trilogia davvero bella e ricca di avventure. Non vedo l’ora di scoprirlo con i prossimi volumi.

mercoledì 13 gennaio 2021

SERIE TV RECENSIONE: La barriera

Ciao leoncini, finalmente torno con la serie tv/film recensione.
Durante le vacanze ho visto molti ilm di cui non vedo l’ora di parlarvi e ho anche finito alcune serie :)
Quali film o serie tv vi hanno fatto compagnia durante le vacanze?

In questo periodo sono un po’ stressata perché da settimana prossima inizia la sessione d’esame finale del primo semestre e in più domani ho due pratici.
Sto studiando come una matta perché all’inizio delle vacanze mi sono rilassata troppo e ora sono sommersa dallo studio.
Appena finisco gli esami continuo con le letture che ho in collaborazione e chiedo scusa a coloro che stanno aspettando la recensione ma mi sono un po’ persa.

Nel post di oggi vi parlo de La valla, o come si chiama in Italiano La barriera.
Ho visto questa serie a dicembre ma poi non ve ne ho più parlato.
Titolo: La barriera (originale: La valla)
Genere: Drammatico, Distopico
Stagione: 1
Episodi: 13
Durata: 50 min a puntata
Paese: Spagna
Anno: 2020
Valutazione: ★★★,5
Trama: Spagna, 2045. La crescente scarsità di risorse naturali ha trasformato le democrazie occidentali in regimi dittatoriali, che giustificano la mancanza di libertà con la promessa di garantire la sopravvivenza dei cittadini. In Spagna un governo dittatoriale occupa il potere con le stesse premesse. Nel frattempo, un virus sta devastando la Spagna e, mentre la vita nelle zone rurali diventa impossibile, la capitale Madrid è stata divisa in due regioni strettamente chiuse: il Settore 1, abitato dal governo e dai privilegiati, e il Settore 2, per tutti gli altri abitanti. L'unico modo per passare da una zona all'altra è attraversare la barriera di recinzione che le separa, per la quale è richiesto un pass normativo. Questo è il punto di partenza di una storia in cui incontriamo Julia (Olivia Molina), Hugo (Unax Ugalde) ed Emilia (Ángela Molina): una famiglia che fatica a recuperare la piccola Marta (Laura Quirós), attualmente nelle mani del governo. Una storia di sopravvivenza, di tradimenti, di grandi segreti e in cui un crimine inseguirà i protagonisti.
COMMENTO:
Io e le mie coinquiline abbiamo iniziato a vedere questa serie perché vedevamo spesso la pubblicità in tv e quindi la serie aveva iniziato ad incuriosirci. Non siamo mai stati grandi amanti delle serie spagnole, però devo dire che ne abbiamo viste alcune molto carine. 
Questa non è la miglior serie che io abbia visto ma è stata una serie ricca di colpi di scena e suspense. 

Quello che più mi ha lasciato a bocca aperta è che questa serie parla di un virus che sta devastando la Spagna dopo la terza guerra mondiale. Il virus è fatale e si cerca di trovare una soluzione il prima possibile. Pensate che questa serie è apparsa in televisione il 10 gennaio e guardandola in un periodo di pandemia mi ha messo un po’ d’ansia. 
Anche se quello che un po’ mi ha lasciato perplessa è il fatto che il virus, che è un punto fondamentale di questa serie, non viene mai approfondito. C’è solo un momento in cui se ne parla, e avviene verso la fine della serie, ma comunque non si approfondisce davvero. Questo rende un po’ meno realistica la storia.

Tralasciando le coincidenze tra questa serie e la realtà di questo ultimo periodo la serie è fatta molto bene. Fin da subito abbiamo colpi di scena e molta ansia. All’inizio è difficile capire cosa stia succedendo e capire come sia la nuova Spagna ma più la storia va avanti più le i fatti si fanno chiari.
La storia inizia con l’istante in cui finisce la guerra e gli stati si stanno ristabilendo, si vede come nelle strade ci sia il caos e vediamo come una famiglia cerca di fuggire, ma tutto va storto.
La vera storia però è 25 anni dopo dove ritroviamo la stessa famiglia e piano piano scopriamo ciò che gli è successo e ciò che sta succedendo nel Paese. I protagonisti di questa serie è questa famiglia, che ovviamente in 25 anni è cambiata molto. 

In questa serie i valori famigliari sono molto importanti, vediamo la famiglia principale ma allo stesso tempo consociamo anche altre famiglie e vediamo alcuni dei loro comportamenti, come quella del ministro della sanità.
Riusciamo a conoscere molto bene i personaggi e lo spettatore si affeziona molto ai buoni mentre odia profondamente i “cattivi”, o almeno è quello che è successo a me e alle mie coinquiline.

Un fatto che mi è piaciuto molto è che, essendo una serie distopica dopo la Spagna è governata da una dittatura dopo la guerra, i produttori hanno preso molti spunti a qualcosa di conosciuto come la dittatura di Franco. 
Il finale mi ha lasciata davvero senza parole perché non me lo sarei mai aspettata. Mi ero immaginata molti finali ma di certo non questo. Spero che facciano una nuova stagione per poter approfondire e scoprire cosa accadrà dopo un finale del genere.

sabato 9 gennaio 2021

LETTURE DEL 2020

Buongiorno leoncini, oggi volevo pubblicare il post del personaggio del mese ma non sono ancora riuscita a scegliere. Quindi se pubblicherò la rubrica la pubblicherò sabato prossimo se riuscirò a scegliere un personaggio. 
Ho deciso quindi che questo sabato vi avrei parlato delle mie letture di quest’anno. È stato il primo anno in cui ho partecipato alla Reading Challenge. Ho messo come sfida 50 libri ma non credevo ci sarei mai arrivata e invece con mia grande sorpresa sono anche riuscita a superarla.
Certo mi sono aiutata con gli audiolibri ma in fin dei conti sono libri, no?
Voi quanti libri avete letto quest’anno?
Qual’è stata la vostra lettura migliore? Quale la peggiore?
Alla fine della lista, che non è perfettamente in ordine, troverete i miei 😘
Le istruzioni nel calderone di Serena Longhi Gelati
La bussola d’oro di Philip Pullman
Il segreto del silenzio di C. J. Daugherty 
Il segreto del fuoco di C. J. Daugherty 
• Il vampiro che visse due volte di Alessio Filisdeo (Potete trovare una breve recensione tra le storie in evidenza sul profilo Instagram)
The time of stars di Giada Melarancio
Charm di Karen Morgan
The legend - United di A.V. Enelyn
Beast di SC Daiko
La ragazza scomparsa di Angela Marsons
Sconvolgimi la vita di Billy Bollo
Aleksandr di Marta Maddy
John di Karen Morgan
Fidanzati d’inverno di Christelle Dabos (è stata una rilettura, quindi la recensione è precedente)
Il marchio del sole di Ornella Calcagnile
I custodi dell’ordine di Federica Amalfitano
Rosso violento di L. Falcone & L. Costantini
•Leyendas di Gustavo Adolfo Bécquer (l’ho letto per l’università)
Il conte di Long Island di J.D. Hurt
Libera di volare di Carolina La Pietra
• Il risveglio di J.R. Ward
Blackfriars - L’ordine della spada di Virginia de Winter
BlackFriars - L’ordine della penna di Virginia de Winter (x2)
Blackfriars - L’ordine della croce di Virginia de Winter (x2)
Blackfriars - Le soglie del buio di Virginia de Winter
Edenya di Laura Rizzoglio
Appartengo solo a te di Karen Morgan
Traditi e consegnati alla morte di Emilia Anzanello (in realtà non ho finito il libro quindi è più una spiegazione per cui non sono riuscita a finirlo)
Il pianto di Va-Ril di Paolo Battaglia 
Ossessione di J.R. Ward
Un assassino alle porte di Sabaa Tahir
• Unsteady di F. Sally D.
Il bad boy si innamora di Anella Amato
Igor di Marta Maddy
La corrente invisibile di Salvino Muscarello
Sei di corvi di Leigh Bardugo
Il regno corrotto di Leigh Bardugo
Graceling di Kristin Cashore
Shadow magic di Joshua Khan
Ti aspettavo di Karen Morgan
Lo zingaro del SoBro di J.D. Hurt
Sulle tracce di Jack lo Squartatore di Kerri Maniscalco
Verde profondo di L. Falcone & L. Costrantini
Il gioco di Ripper di Isabel Allende
Brucia di Chiara Cavini Benedetti
L’amore non arriva mai da solo di Federica Fasolini
Alla ricerca del principe Dracula di Kerri Maniscalco
Fighting for us di Regina Mooren
Un destino diverso di Dan Ruben
La casa torcida di Agatha Christie 
Giallo sporco di L. Falcone & L. Costantini
La distanza tra di noi di Karen Morgan
Gli scomparsi di Chiardiluna di Christelle Dabos
Drake di Marta Maddy
Il mistero di Pianodoro di Mariagrazia Giuliani
Poirot a Styles Court di Agatha Christie 
L’assassinio di Roger Ackroyd di Agatha Christie
Poirot e i quattro di Agatha Christie
• Il mistero del treno azzurro di Agatha Christie
• Die for me di Amy Plum
• Until I die di Amy Plum
• If I should die di Amy Plum
Heartstopper di Alice Hoseman (ho fatto una breve recensione su Goodreads)

Questi sono tutti i libri che ho letto e scegliere quelli che mi sono piaciuti di più e quelli meno non è affatto facile. Non ho scelto i libri solo in base alle stelle che ho dato ma a quello che mi hanno trasmesso. Praticamente quest’anno ho letto solo bei libri quindi scegliere i migliori non è affatto facile. Mentre scegliere i tre peggiori è stato facile perché praticamente sono gli unici tre che non mi hanno colpito particolarmente, o nel caso di Sulle tracce di Jack lo Squartatore l’ho scelto perché avevo alte aspettative e purtroppo non è stato all’altezza.

I 5 migliori libri:
• Il segreto del fuoco di C.J. Daugherty
• Sei di corvi di Leigh Bardugo
• Brucia di Chiara Cavini Benedetti
• La casa torcida di Agatha Christie
• Gli scomparsi di Chiardiluna di Christelle Dabos

I 3 peggiori libri:
• La bussola d’oro di Philip Pullman
• Il priorato dell’albero delle arance di Samantha Shannon
• Sulle tracce di Jack lo Squartatore di Kerri Maniscalco

venerdì 8 gennaio 2021

SEGNALAZIONI (8-01-2021)

 Eccomi arrivata con le due segnalazione della giornata.
Dopo tutte queste nuove uscite mi sta venendo molta voglia di fare nuovi acquisti librosi e pensare che sono passati solo 8 giorni dall’inizio dell’anno. Non sarà affatto facile arrivare a giugno ma io ci devo provare.

Titolo: Black Millhion
Autore: RyMonch
Genere: Erotic Romance
Pagine: 262
Volume: 1/2
Prezzo: 2,99 €
Uscita prevista: 8 Gennaio
Disponibile: Formato e-book su Amazon e Kindle Unlimited
Pubblicato da: Collana digitale Darklove/Pubme

TRAMA:
“Niente amicizie, niente confidenze, niente rapporti sentimentali. Solo silenzio e solitudine. Tutto ciò è servito per arrivare ad essere quella che sono: una giovane donna di 25 anni con una laurea tra le mani e un nightclub famoso in tutta Hollywood. Il Free. Il mio locale, la mia vita, il mio unico scopo. Io sono Violet Jackson. Non provo emozioni e l’unico colore che mi appartiene è il nero. Il buio tetro e oscuro come la morte.”

“Quando qualcuno mi etichetta come un arrogante figlio di p*****a, è sempre vero. Questo perché il mio intero mondo gira, senza il minimo ritegno, attorno alle scommesse di ogni tipo. Scommetto sulla vita, le persone, il destino, perché mi va e mi fa sentire vivo. Sono Black Millhion, il multimilionario - scapolo d’oro - più ambito di Hollywood e questa sera scommetto che mi divertirò come un fottuto dio.”

Oscuro. Proibito. Trasgressivo.
RyMonch arriva in casa Darklove (Pubme) per regalarci un successo di Wattpad che sa di deliziosi peccati, eccitanti tentazioni e segreti inconfessabili. Quello che possiamo promettervi è: anime in fiamme e cuori persi, ma soprattutto, un cliffhanger da togliervi il sonno.
Noi stiamo per accettare la scommessa e voi? 

Titolo: Di fronte a me
Sottotitolo: Una storia di terrore, amore e fede
Autore: Pietro Fratta
Editore: autopubblicato
Data di uscita: 23 dicembre 2020
Genere: narrativa contemporanea
Prezzo: 4.89€ ebook, 10.40€ cartaceo
Pagine: 75
Disponibile su Amazon: https://amzn.to/38VZbBE

Sito web del romanzo: https://www.difronteame.com/

Blog autore: http://pensiericorrenti.blogspot.com/

TRAMA:
Un padre, medico, sottrae alle cure ospedaliere il proprio figlio, piccolo, amatissimo e gravemente malato, portandolo con sé in un luogo caro alla sua infanzia, un casolare in campagna. In questa ambientazione a tratti bucolica, a tratti dura, il padre disperato si prende cura del piccolo, divenuto vegetale e privo di speranze di guarigione. Scopo di tale fuga è ottenere una miracolosa guarigione del figlio, attraverso la costruzione di una piccola chiesa di pietre, da erigersi con la sola forza delle mani paterne. Il racconto, incentrato sul gravissimo dolore del genitore e sulla sua disperazione (generata da una consapevole impotenza), diviene occasione per numerose dissertazioni filosofiche circa la fede, il dolore, la speranza, la redenzione dell’uomo, l’amore paterno, la sofferenza umana nella solitudine. Ma la sua solitudine è minacciata da una presenza maligna che, incarnatasi nell'aspetto di un bambino vagamente somigliante proprio al figlio, lo incita a porre fine a ogni speranza e negare Dio e la preghiera.

L’autore:
Pietro Fratta - Coltivo la passione per la scrittura fin da bambino, e ho esordito con il romanzo “Nella Città” (2004) edito dai tipi di Arpanet, grazie a un concorso letterario da questi indetto. Nello stesso anno ho pubblicato anche il romanzo breve “Le terre del silenzio” per la giovane Delos Books, diretta dallo scrittore Franco Forte.
Nel frattempo ho lavorato come redattore esterno per alcune riviste (Writers Magazine Italia e FictionTV) e ho cresciuto una famiglia; attualmente ho lavorato per dieci anni per la libreria Feltrinelli di Rimini e ho pubblicato la silloge poetica “Padre Figlio” per la Bertoni Editore (2019); la necessità di raccontare tuttavia non mi ha mai abbandonato e, recentemente, per strana sorte si è rivelata provvidenziale a seguito di alcuni eventi che hanno segnato la mia vita: la morte di una persona cara e la nascita del primo figlio. Negli anni mi sono sempre cimentato nella poesia e filosofia, ma solo in ambito così strettamente personale e intimo essi si sono resi di vitale importanza per confessare attraverso la forma romanzo ed esprimere i pensieri e le emozioni che mi hanno quasi ammutolito, fra gioia e tristezza e questioni di fede.

PERSONAGGIO DEL MESE: Arthur Hastings (Poirot a Styles Court e Poirot e i quattro)

Buon sabato leoncini, oggi vi parlo del personaggio del mese di dicembre. Scegliere non è stato affatto facile, anzi… ci ho dovuto aspettare...